spurgo
Cerca

Ecoopera sponsor degli studenti del liceo Galilei in Giappone

24/07/2017

La cooperativa, specializzata in campo ambientale, sostiene il team dei liceali trentini che partecipano ai  Campionati mondiali di Robotica Under 19 in corso a Nagoya. La competizione prevede la progettazione e realizzazione di un piccolo robot da impiegare nella ricerca di persone disperse in luoghi colpiti da calamità naturali.


> per scaricare le foto del team degli studenti del Galilei e del robot che hanno progettato e realizzato clicca qui 



Trento, 24 luglio 2017 – Ecoopera, società cooperativa specializzata nel settore dei servizi ambientali, sostiene gli studenti del Liceo scientifico Galileo Galilei di Trento che partecipano ai  Campionati mondiali di Robotica Under 19 in corso a Nagoya in Giappone fino al 31 luglio. 
Ecoopera è sensibile alla crescita dei giovani che si sfidano nello studio, nella ricerca e nell’innovazione: per questo ha accettato di contribuire a coprire le spese della trasferta. 
Il progetto risulta particolarmente meritevole in quanto riguarda tecnologie per la ricerca di superstiti in caso di calamità naturali. 
I quattro ragazzi che compongono il team - Francesco Ballerin, Alessandro Foradori, Daniele Gottardini e Loris Gjini - hanno appena concluso il liceo scientifico Galilei di Trento. A maggio hanno partecipato alla RoboCup Junior Italia, una competizione di robotica tra gruppi provenienti dalle scuole superiori di tutta Italia, e alla Robocup European Open, ottenendo il primo posto fra le squadre italiane. In virtù di questo risultato hanno acquisito il diritto di rappresentare il Trentino e l’Italia ai campionati mondiali di Nagoya. 
Nel 2015 il team del Galilei aveva preso parte ai campionati mondiali in Cina, ottenendo il terzo posto assoluto e il record di punti in una singola manche. L’esperienza in Cina ha avuto anche un buon riscontro mediatico, con vari articoli sui giornali locali e nazionali, ma soprattutto con la partecipazione alla trasmissione Report di Rai3. 
La competizione che si è appena aperta in Giappone prevede la progettazione, realizzazione e programmazione di un piccolo robot in grado di esplorare in autonomia un labirinto con pavimentazione irregolare, individuando e comunicando i segnali calorici o visivi rilevati. Lo scopo della gara consiste nello sviluppo di un modellino da impiegare nella ricerca di persone disperse in luoghi colpiti da calamità naturali.

 
Torna alla lista news