spurgo
Cerca

L'OBBLIGO DI ADDESTRAMENTO ALL'USO DEL D.A.E.

30/06/2018

Le regole applicabili in provincia di Trento per l'impiego del defibrillatore in ambito civile.


Nella Provincia autonoma di Trento la formazione finalizzata al rilascio dell'attestato di autorizzazione all'impiego del DAE a personale non sanitario è stata disciplinata con deliberazione della Giunta provinciale n. 958 di data 16 giugno 2014, successivamente modificata con deliberazione della Giunta provinciale n. 195 del 22 febbraio 2016.

Con la deliberazione n. 195, la Giunta provinciale ha definito il percorso formativo per il conseguimento dell'autorizzazione all'uso del DAE della durata di 5 ore.
Il corso è finalizzato a far acquisire le competenze per l'effettuazione delle manovre di BLS-D (Basic Life Support and Defibrillation) e le peculiarità per la rianimazione cardiopolmonare nel bambino, secondo il seguente programma e in linea con gli indirizzi dell'ILCOR:

1 ORA DI LEZIONE TEORICA FRONTALE
- Le funzioni vitali nell'adulto, loro valutazione e relativo primo soccorso
- L'uso del DAE
- Peculiarità della rianimazione cardiopolmonare nel bambino

4 ORE DI LEZIONE PRATICA E VALUTAZIONE
- Tecniche di sostegno delle funzioni vitali: la manovra di Heimlich, garanzia della pervietà delle vie aeree, ventilazione artificiale, massaggio cardiaco esterno, uso del DAE, la posizione laterale di sicurezza.
- La sequenza di rianimazione cardiopolmonare nell'adulto e cenni della sequenza di rianimazione nel bambino.
- La formazione si conclude con una prova teorico-pratica, indicativamente di 15' per partecipante, al fine del rilascio dell'autorizzazione.
- La realizzazione della parte pratica deve essere garantita con l'impiego di manichino e di DAE simulatore, che permettano di riprodurre le manovre previste nel percorso formativo.
- Le esercitazioni pratiche sono svolte nel rispetto del rapporto ottimale, dal punto di vista formativo, fra istruttore e partecipanti (1:6,7 per le esercitazioni di rianimazione cardiopolmonare. Tale rapporto è applicato anche per i retraining.

L'autorizzazione all'utilizzo del DAE ha validità su tutto il territorio nazionale e ha durata illimitata, ferma restando l'esigenza di un retraining ogni 2 anni (almeno 2 ore) nelle manovre di RCP (deliberazione della Giunta 195 del 22 febbraio 2016; punto 7 dell'Accordo Stato Regioni/Province autonome del 30 luglio 2015; punto 4.2 dell'Allegato E del decreto interministeriale 24 aprile 2013).

Al termine del corso l'Ente/soggetto di formazione è tenuto ad organizzare un momento di valutazione finale con la presenza di un docente e di un istruttore coinvolti nel corso.
A coloro che superano la valutazione finale (punteggio di almeno 70/100) viene rilasciata dall'Ente/Soggetto di formazione l'autorizzazione nominale all'impiego del DAE, i cui dati (nome, cognome, luogo, data di nascita, CF) sono inseriti, distinti in singoli campi, in un documento elettronico (database), tenuto ed aggiornato dall'Ente di formazione medesimo e trasmesso ogni 6 mesi all'Unità operativa Trentino Emergenza 118 dell'Azienda sanitaria per il necessario loro inserimento nell'apposito registro provinciale (punto 6 dell'Accordo Stato Regioni/Province autonome del 30 luglio 2015).

Gli Enti/soggetti di formazione sono tenuti a trasmettere ogni 6 mesi a Trentino Emergenza 118 anche i nominativi del personale non sanitario che abbia frequentato i retraining di cui al successivo punto 5, per il loro inserimento nel predetto registro provinciale.

Torna alla lista news